Pro e contro del lavoro a domicilio come fondatore

Al giorno d’oggi, la maggior parte dei fondatori di startup, membri del team e potenziali dipendenti dovrebbero essere esperti di tecnologia digitale, se non nativi digitali. Competenti con gli strumenti di comunicazione digitale, non sono certamente estranei al concetto di lavoro flessibile, remoto o domestico. In effetti, gli studi dimostrano che il telelavoro è una rivoluzione in corso, sempre più adottato sia da startup progressiste che da società affermate.

Ma è l’approccio migliore da utilizzare quando si avvia una startup? Sarai, come fondatore, in grado di eseguire la tua startup in modo efficiente mentre lavori in remoto? Analizziamo i pro e i contro.

I pro

  • Libertà geografica – Come fondatore di una startup, molto probabilmente indossi molti cappelli e fai diverse cose allo stesso tempo, specialmente se la tua startup sta appena decollando. Lavorare da casa o lavorare in remoto ti consente di lavorare ovunque, anche in viaggio. Un giorno potresti avere un incontro virtuale con i tuoi sviluppatori e un altro giorno lanciare le tue startup agli investitori. Lavorare da casa elimina anche il pendolarismo, risparmiando tempo sostanziale che potrebbe essere utilizzato per altre attività più produttive.
  • Flessibilità – Lavorare da casa ti dà la flessibilità di organizzare la giornata in base alle tue priorità e al tuo stile di vita. Come fondatore, hai ancora il tempo di dedicarti ad attività personali come gli hobby, il tempo con la famiglia o il tempo per imparare, e non rimanere troppo preso dal “trambusto” della fondazione e della gestione di una startup.
  • Costi ridotti: come startup, si desidera limitare i costi generali. Se lavori da casa e la maggior parte del tuo team lavora virtualmente, risparmi sui costi dell’ufficio come l’affitto e le utenze.
  • Maggiore produttività – Senza la distrazione delle chiacchiere e delle battute in ufficio, ti concentri e ti immergi in profondità nella tua startup.
    Lo scoop? Complessivamente, lavorare da casa come fondatore di startup punta a una migliore qualità della vita, nonché a una migliore produttività.

I contro

  • Problemi di comunicazione – Una comunicazione meno efficace con il tuo team è una possibile realtà. Se la tua squadra e tu state lavorando in diversi fusi orari, potrebbe essere difficile trovare un orario comune e conveniente per parlare. Le conversazioni informali creano anche rapporti e cameratismo; non importa quanto sia chiara la connessione durante una chiamata, potresti non catturare i segnali non verbali della conversazione faccia a faccia. A volte la comunicazione remota può escludere alcuni membri del team, lasciarne uno fuori dal giro o, peggio, causare un malinteso.
  • Solitudine e isolamento – Se sei una persona che prospera sulla connessione personale, le conversazioni faccia a faccia e il trambusto di un ufficio, potresti avere difficoltà a gestire l’avvio da remoto. Saresti in grado di costruire una relazione con il tuo team esclusivamente attraverso strumenti di comunicazione e collaborazione remoti, come Slack, WhatsApp, ecc.
  • Confini offuscati di lavoro / vita: non voler disconnettersi e impiegare troppe ore è uno dei pericoli reali legati all’avvio della propria start-up da casa. Potresti essere forzato a smettere di lavorare, poiché non ci sono limiti chiari tra l’orario di lavoro e la tua vita personale.
    Il rovescio della medaglia? Questi svantaggi indicano attrito nella comunicazione e una collaborazione meno agile con il tuo team, che potrebbe comportare una riduzione della produttività complessiva.

Quindi dovresti lavorare da casa come fondatore?

L’esecuzione in remoto della tua startup ha grandi vantaggi, ma potrebbe non essere la soluzione migliore quando stai appena iniziando e togliendo le cose da terra. La collaborazione e tempi di risposta più rapidi tra i membri del team sono molto importanti quando si stanno ancora testando, misurando, iterando e convalidando il prodotto.

Una volta che il tuo prodotto è stato convalidato e l’avvio è pronto per essere ridimensionato, può avere più senso eseguirlo in remoto e lasciar perdere parte del tempo di persona trascorso con il tuo team. Questo ti consente come fondatore di concentrarti su attività che fanno crescere la startup, come focalizzarsi su investitori o concentrarsi sull’aumento delle entrate. Il trucco, come sempre, per essere un fondatore di startup è trovare ciò che funziona per te e il tuo team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *